Scegliere

Il Corso di Laurea magistrale in Geourbanistica (GEOU) è un nuovo corso di laurea interclasse (LM-80/LM-48) e interdipartimentale (coinvolge i Dipartimenti di Lingue,letterature e culture straniere, Ingegneria e Scienze applicate e Lettere, Filosofia, Comunicazione) previsto dal “Piano Strategico dell’Ateneo 20.20” basato su un solido approccio multidisciplinare e una prospettiva didattica innovativa che coinvolge un team di docenti italiani con la collaborazione di docenti stranieri. Il Corso forma la figura del geografo-urbanista, una nuova figura professionale ancora assente in Italia, ma esistente all’estero che coniuga le scienze geografiche con quelle urbanistiche, come base necessaria per fornire competenze specialistiche relative a: l’analisi territoriale; la pianificazione urbanistica; le abilità nell’uso dei Sistemi Informativi Geografici, delle tecnologie di mapping e di comunicazione a supporto della governance. 

Il corso favorisce una didattica student-oriented che prevede un ruolo attivo degli studenti nel loro progetto di formazione culturale e professionale sin dall'inizio, in un contesto stimolante che include project work, attività interattive applicate ai territori, laboratori, tirocini e seminari tenuti da visiting professors stranieri ed esperti nazionali.

Tratta i temi propri delle scienze territoriali e della pianificazione, fornendo gli approcci teorico-analitici e gli strumenti operativi, per lavorare nell’ambito delle politiche urbane, territoriali, ambientali e paesaggistiche; affronta la conoscenza dei sistemi di informazione urbana e territoriale per analizzare e gestire data-set provenienti da molteplici fonti, per gestire i Sistemi di Informazione Geografica, così come per elaborare mapping di ultima generazione, intesi quali sistemi abilitanti per attuare un'adeguata comunicazione tra stakeholders nei tavoli di concertazione e nei processi volti alla governance territoriale, urbana, ambientale e del paesaggio; inoltre, dota lo studente delle conoscenze di base sulle implicazioni economiche e giuridiche della rigenerazione territoriale.

Infine, mediante due curricula a scelta, il corso offre due percorsi di approfondimento alternativamente sulla rigenerazione del territorio poco o male utilizzato, in special modo delle periferie urbane, o sulla protezione ambientale e sulla valorizzazione del paesaggio tenendo conto dei valori culturali e sociali e, contemporaneamente, del patrimonio ecologico e botanico di cui sono costituiti.

La Laurea magistrale in Geourbanistica offre l'opportunità di svolgere sul territorio nazionale e all'estero parte del proprio percorso formativo, secondo modalità concordate con Istituzioni con cui l’Università ha sottoscritto o sottoscrive convenzioni di partenariato. In particolare, sono in essere collaborazioni con prestigiosi laboratori di ricerca europei e canadesi; azioni pilota condivise con scuole, aziende e istituzioni del territorio, che includono gli studenti in attività di terreno e di progetti applicati; infine, gli studenti partecipano alle ricerche svolte dai Centri studi dell'Ateneo di Bergamo nella prospettiva di svolgere il tirocinio e redigere la tesi finale.

 

Guarda il video-clip di presentazione della Laurea Magistrale in Geourbanistica

Descrizione dettagliata del corso

Il Corso di Laurea magistrale in Geourbanistica (GEOU) è un corso di laurea interclasse e interdipartimentale che propone un’offerta formativa caratterizzata da cinque aree di apprendimento, derivanti dall'unione degli ambiti disciplinari delle due classi di laurea LM-80 e LM-48.

Per garantire che tutti gli studenti possano raggiungere gli obiettivi formativi del CdS, nonostante la diversa formazione pregressa, GEOU prevede percorsi di allineamento che non comportano carico aggiuntivo rispetto al normale percorso disciplinare, ma sono organizzati dal Responsabile della didattica in funzione del curriculum scelto e costituiti da esercitazioni e simulazioni in cui gli studenti si confrontano prospettando i loro differenti approcci in ambito umanistico-sociale o scientifico-tecnologico.

Durante il primo anno, GEOU fornisce le basi teoriche e metodologiche di discipline caratterizzanti entrambe le classi di laurea:

a) scienze territoriali e della pianificazione, con insegnamenti che consentono di acquisire conoscenze e capacità di comprendere sia i presupposti geografici dell'analisi e progettazione territoriale che quelli relativi alle scienze dell'urbanistica, ovvero i programmi, i piani e le politiche urbane, territoriali, ambientali e paesaggistiche;

b) sistemi di informazione urbana e territoriale, con insegnamenti volti sia a fornire competenze per analizzare e gestire data-set provenienti da molteplici fonti gestendo i Sistemi di elaborazione dell'informazione, sia a elaborare mapping di ultima generazione, assumendo un atteggiamento critico nell'uso dei Sistemi Informativi Geografici e delle tecnologie della comunicazione come sistemi abilitanti per un'adeguata comunicazione nella progettazione territoriale;

c) discipline economico-giuridiche, con insegnamenti che dotano lo studente delle conoscenze di base sulle implicazioni economiche e giuridiche della rigenerazione territoriale.

Nel secondo anno, GEOU eroga insegnamenti all’interno di due aree di apprendimento a cui si aggiungono altre attività didattiche complementari quali i tirocini, gli stages ecc.:

d) comunicazione e governance urbana e territoriale: l'area di apprendimento fornisce sia abilità nell'ambito linguistico mediante competenze utili al dialogo interculturale, sia conoscenza e analisi critica delle metodologie partecipative per l'identificazione di attori portatori di interessi e la gestione di tavoli di concertazione e processi utili alla governance territoriale, urbana, ambientale e del paesaggio;

e) dinamiche territoriali, urbane, ambientali e paesaggistiche: si tratta di un'area di apprendimento articolata in due curricula - “Protezione dell’ambiente e valorizzazione del paesaggio” e “Rigenerazione urbana e recupero delle periferie” -  che gli studenti possono scegliere quali ambiti tematici di approfondimento e applicazione delle conoscenze apprese nel primo anno. Tali curricula, infatti, forniscono competenze relative all'analisi e pianificazione territoriale alternativamente nei seguenti ambiti: i) la costruzione territoriale e urbana e le sue ricadute sul consumo di suolo e sulla dissipazione delle risorse idrogeologiche; ii) le dinamiche evolutive ambientali e del paesaggio. Il primo ambito si rivolge al recupero del territorio poco o male utilizzato, mediante una rigenerazione, in special modo delle periferie urbane; il secondo ha come obiettivo un approfondimento della protezione ambientale e della valorizzazione del paesaggio tenendo conto sia degli aspetti culturali e sociali in essi riconosciuti sia del patrimonio ecologico e botanico di cui sono costituiti.